foto

Che vitalitÓ

Ornella Vanoni

Da sopra casa mia, quando apro le finestre
rivedo la cittÓ, annaffio il mio limone
poi dopo guardo gi¨, divento cosý triste
strade senza pietÓ, vita che toglie il fiato

ma dentro casa mia a volte arriva il sole
qualche minuto e poi, poi si nasconde bene
forse gioca con me, facciamo nascondino
e mi troverÓ

che vitalitÓ, mi sento pi¨ leggera
che vitalitÓ, divento un po' bambina
che vitalitÓ, si scioglie ogni spina
che vitalitÓ, saltello a piedi nudi
che vitalitÓ, con tutto questo sole
che vitalitÓ, ho voglia di giocare
che vitalitÓ, la vita Ŕ puro amore
e se arrivi tu, ti riempio della mia vitalitÓ

strana la vita mia, nasco per inventare
e invento per non morire, ognuno ha una missione
appena finirÓ, forse l'avr˛ capita
tutta la veritÓ che Ŕ dietro la mia vita

lo so, lo sento bene che il mondo sta cosý male
ma per un attimo non voglio pi¨ pensare
e se rinascer˛, sar˛ senza mutande
in libertÓ

che vitalitÓ, sono cosý serena
che vitalitÓ, mi sento un po' cretina
che vitalitÓ, vivo su un'altalena
che vitalitÓ, sorrido pi¨ di prima
che vitalitÓ, oltre ogni cicatrice
che vitalitÓ, oggi sono felice
che vitalitÓ, la troppa gioia brucia
se ti spaventerai, Ŕ meglio se non arriverai

che vitalitÓ, io so cos'Ŕ soffrire
che vitalitÓ, ma so dimenticare
che vitalitÓ, la voglio regalare
a chi non ne ha, voglio un mondo di vitalitÓ
publicidade