Vieni Sul Mar

Andrea Bocelli

Deh, ti desta, fanciulla, la luna
spande un raggio sì caro sul mar;
vieni meco, t?aspetta la bruna,
fida barca del tuo marinar.

Ma tu dormi, e non pensi al tuo fido,
ma non dorme chi vive d?amor;
io la notte a te volo sul lido,
ed il giorno a te volo col cor!

Vieni sul mar,
vieni a vogar,
sentirai l?ebbrezza
del tuo marinar!

Da quel giorno che t'ho conosciuto,
o fanciulla di questo mio cor,
speme o pace per te ho perduto,
perché t'amo d'un immenso amor.

Fra le belle tu sei la più bella,
fra le rose tu sei la più fin;
tu del cielo sei brillante mia stella
ed in terra divina beltà.

Vieni sul mar,
vieni a vogar,
sentirai l'ebbrezza
del tuo marinar!

Addio, dunque, riposa e domani,
quando l'alba a svegliarti verrà,
sopra lidi lontani lontani,
l'infelice nocchiero sarà.

Ma tu dormi, e non pensi al tuo fido,
ma non dorme chi vive d'amor;
io la notte a te volo sul lido,
ed il giorno a te volo col cor!

Vieni sul mar,
vieni a vogar,
sentirai l'ebbrezza
del tuo marinar!