E Vui Durmiti Ancora

Andrea Bocelli

Lu suli è già spuntatu di lu mari
e vui, bidduzza mia, durmiti ancora,
l’aceddi sunnu stanchi di cantari
e affriddateddi aspettanu ccà fora;
supra ‘ssu barcuneddu su pusati
e aspettanu quann’è ca v’affacciati.

Lassati stari, non durmiti cchiui,
ca ‘nzemi a iddi, dintra sta vanedda,
ci sugnu puru iù, c’aspettu a vui,
ppi viriri ‘ssa facci accussì bedda;
passu cca fora tutti li nuttati
e aspettu suru quannu v’affacciati.

Li ciuri senza vui non vonnu stari,
su tutti ccu li testi a pinnuluni,
ognun d’iddi non voli sbucciari,
si prima non si rapì ssu barcuni.
Intra li buttuneddi su ammucchiati
e aspettanu quann’è ca v’affacciati.

Lassati stari, non durmiti cchiui,
ca ‘nzemi a iddi, dintra sta vanedda,
ci sugnu puru iù, c’aspettu a vui,
ppi viriri ‘ssa facci accussì bedda;
passu cca fora tutti li nuttati
e aspettu suru quannu v’affacciati.